Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

Exberry_dicembre 2020_leaderboard

 

Sottoposto a riesame il lavoro sulle api

Fonte: Efsa
Data: 01/02/2013


L’Efsa ha portato a termine un riesame completo di tutto il proprio lavoro di valutazione del rischio e dei documenti scientifici in relazione alle api e alla loro salute, redigendo un inventario che verrà ora valutato dagli esperti scientifici dell’Efsa al fine di individuare sia gli ambiti nei quali sviluppare ulteriormente la collaborazione interdisciplinare, sia le esigenze interne ed esterne all'Efsa in termini di dati e ricerca. Le raccomandazioni ivi contenute, che saranno messe a disposizione della direzione generale della Ricerca e dell’Innovazione della Commissione europea, saranno pubblicate nel corso di quest’anno in una seconda relazione.
L’inventario è stato compilato dalla task force dell’Efsa sulle api, creata dall’Autorità nell’ambito della propria risposta alle crescenti preoccupazioni per la diminuzione del numero di api, e ha individuato un totale di 355 documenti scientifici sull’argomento, già pubblicati o in corso di realizzazione presso l’Efsa, per la maggior parte relativi a richieste di autorizzazione di prodotti soggetti a regolamentazione (pesticidi e organismi geneticamente modificati).
Della task force fanno parte membri del personale Efsa con competenze professionali in materia di pesticidi, salute e benessere degli animali, Organismi Geneticamente Modificati (OGM), salute dei vegetali, raccolta di dati, rischi emergenti e comunicazione. Sulla base dell’analisi del lavoro dell’Efsa, la seconda relazione della task force prenderà in esame le valutazioni del rischio relative alle api e la ricerca svolta da organismi nazionali, europei e internazionali quali l'Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione, l’ambiente e il lavoro (Anses), la Commissione europea, l’Agenzia europea dell’ambiente e l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici.
Il fine ultimo del progetto è quello di consentire all'Efsa di offrire ai gestori del rischio una consulenza ancora più completa in materia di salute delle api, soprattutto individuando le lacune in termini di informazioni e le esigenze relative alla ricerca.