Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Prodotto
Cerca per Azienda

 

Insalata pretagliata, binomio vincente tra mototamburi Rulmeca e convogliatori Tecnoceam

Per le caratteristiche di pulizia, taglio, selezione ed il sistema di imballaggio per l'insalata pretagliata e prelavata, la Tecnoceam, specialista nella tecnologia di convogliamento, conta sui mototamburi in acciaio inox a prova di getti d’acqua della società Rulmeca.

Azienda: RULMECA HOLDING
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 3/2017
Data: 12/04/2017


Igiene a prova di getti d’acqua

Una lunga durata è di vitale importanza per le insalate pretagliate e prepulite. Il lavaggio ed il processo di lavorazione minimizzato, così come le norme igieniche più stringenti, giocano un ruolo fondamentale.
Per le caratteristiche di pulizia, taglio, selezione ed il sistema di imballaggio per questo tipo di prodotto, la Tecnoceam, specialista nella tecnologia di convogliamento, conta sui mototamburi in acciaio inox a prova di getti d’acqua della società Rulmeca. L’insalata pretagliata e prelavata venduta al supermercato ha la necessità di lavaggi intensivi e di venire sanificata.
Si pensi che un chilogrammo di insalata è lavato due o tre volte con approssimativamente 10 litri di acqua. A seguito di questo, è asciugata attentamente in macchine a centrifuga o a tunnel. Infine, viene ispezionata per poi essere confezionata in sacchetti. Tutte queste fasi sono importanti per la qualità e la durata del prodotto finale.
La società Italiana Tecnoceam è esperta nella movimentazione di vegetali delicati a foglia. Produce macchine e convogliatori che movimentano l’insalata in modo estremamente attento e con un minimo processo di lavorazione. Tale processo, tuttavia, è in ambiente umido.
L’intera linea di processo, quindi, deve essere resistente all’acqua. Anche il motore elettrico, come il tamburo di comando del convogliatore, deve essere a prova d’acqua. In aggiunta, il design generale della macchina deve essere molto igienico, dato che la freschezza e la durata sono il risultato di un’accurata movimentazione e di una minima contaminazione.
I venditori di linee di processo di insalata, quindi, devono dare la massima attenzione alla resistenza all’acqua e agli aspetti di progettazione igienica delle loro macchine.


Progettazione igienica

La tecnologia di motorizzazione usata dai nastri trasportatori Tecnoceam incorpora i mototamburi Rulmeca in acciaio inox. Grazie al design totalmente racchiuso, i mototamburi sono totalmente a prova d’acqua. Il motore ed il riduttore sono integrati nel tamburo di comando richiesto dal sistema di trasporto. Grazie alla progettazione a prova d’acqua, inoltre, non perdono lubrificanti che potrebbero contaminare i prodotti, l’acqua di centrifuga e di pulizia. Altri tipi di motorizzazione, come i motori centrali con catene o motori laterali con trasmissione ad ingranaggi condotti, hanno la necessità di design complessi per raggiungere lo stesso livello di ermeticità nella versione a prova d’acqua e d’igiene.


Standard igienici molto stringenti


I mototamburi, inoltre, sono componenti compatti che evitano la presenza di angoli e “zone morte” difficili da pulire.
Grazie a questo, rispondono perfettamente alle raccomandazioni della Food and Drug Administration statunitense, che emette le linee guida per le linee di processo dei prodotti tagliati freschi. Questa raccomanda che la macchina sia progettata e costruita in modo tale che sia facile effettuare le operazioni di pulizia e manutenzione, minimizzando, quindi, il potenziale di contaminazione microbica del prodotto tagliato fresco. In particolare, la macchina deve avere come caratteristica che le superfici a contatto con il cibo siano sigillate, lisce, non assorbenti e facili da pulire. I nastri e la motorizzazione dovrebbero essere anche costruiti per assicurare di essere non soggetti ad avvallamenti, pieghe, fessure, tagli aperti, spuntoni, filetti esposti e cerniere per evitare di albergare virus patogeni.
“Siccome le nostre macchine lavorano in presenza d’acqua, il fattore IP del mototamburo – che indica il grado di protezione contro la penetrazione di liquidi e corpi solidi estranei – è stato decisivo”, dichiara Mario Guberti, presidente e proprietario di Tecnoceam. “I mototamburi – ha aggiunto – sono componenti singoli altamente integrati. Offrono, quindi, tutte le caratteristiche richieste, come il layout senza saldatura, alta protezione IP e un design facile da pulire, che si combinano in modo altamente efficiente con le nostre macchine di lavorazione”.
Tecnoceam utilizza i mototamburi con minimo protezione IP66, cioè protetti alla polvere e contro potenti getti d’acqua. Quindi, non solo resistenti agli ambienti umidi, ma anche in grado di sopportare pulizie ad alta pressione. Si tratta di un fattore molto importante, anche se durante la lavorazione dell’insalata nessun fluido dannoso o sostanza viene prodotto o immesso nel processo. Tuttavia, assicurare che residui del turno precedente non contaminino l’insalata fresca diventa cruciale, poiché ciò potrebbe generare una drastica riduzione della sua durata di vita. Al di là dell’essere igienici e a prova d’acqua, per Guberti, i mototamburi Rulmeca sono molto validi per la loro efficienza, in quanto sono usati durante la lavorazione dell’insalata in vari stadi. Il basso consumo di energia del mototamburo è, quindi, un fattore decisivo per minimizzare i costi di produzione e aumentare il ritorno sull’investimento. Per questo, le linee di lavorazione sono spesso sviluppate in ambienti a clima controllato, raffreddati fino a temperature da 5 a 10 °C. Più è basso il consumo di energia della macchina, più sono basse le perdite termiche e, con ciò, i costi di raffreddamento. Gli operatori possono così ridurre i costi di energia secondari per il condizionamento ad aria delle aree di produzione, mentre parallelamente si ottimizzano le prestazioni ambientali dell’azienda.


Basso consumo energetico

I mototamburi Rulmeca montati sulle linee di lavorazione dei prodotti tagliati freschi Tecnoceam apportano un’eccellente efficienza totale. Il modello 113, con 0,37 kW ha, per esempio, un’efficienza elettrica di oltre il 77%, che corrisponde alla sigla IE3. Anche l’efficienza meccanica dell’unità riduttore al 95-97% (in dipendenza del livello di riduzione) è molto alta.
In confronto, i motoriduttori hanno un’efficienza, nell’insieme, significativamente più scarsa.
Ma cosa rende i mototamburi così efficienti? La costruzione del mototamburo minimizza la perdita di attrito, poiché il riduttore è collegato direttamente ed in asse con il motore. In più, il motore è raffreddato costantemente e efficientemente e fa del mototamburo la soluzione di motorizzazione predestinata per questi tipi di convogliatori. La somma di tutti questi vantaggi significa che per Tecnoceam non ci sono alternative ai mototamburi.


Una gamma estesa di produzione

Tra tutti i produttori di motorizzazione Tecnoceam ha scelto Rulmeca. Guberti spiega il perché: “Per i nostri sistemi di convogliamento abbiamo bisogno della tecnologia di motorizzazione più igienica, protetta contro la pulizia a vapore. Rulmeca è un produttore che ha una lunga esperienza nella progettazione di mototamburi ed offre prodotti con vari livelli di protezione IP, che arrivano fino all’IP66/69: la gamma più alta di protezione per i gli scopi di pulizia più esigenti delle industrie alimentari”. Si tratta di una protezione 2 in 1, che deve essere specificata in quanto l’IP69 non include automaticamente l’IP66: con i getti d’acqua potenti IPX6 da una distanza di 3 metri (12.5 mm) con 100 litri per minuto e una pressione di 1 bar (1.000 hPa), l’acqua, da qualsiasi direzione, per 3 minuti non ha effetti dannosi sul sistema. IPX9 garantisce una protezione ai pulitori a vapore ad alta temperatura. I sistemi sono protetti dai getti ad alta pressione ed alta temperatura. Il volume d’acqua è inferiore ai 14-16 litri al minuto, ma la pressione è superiore con 80-100 bar (80.000-100.000 hPa) ad una distanza inferiore di 0,1-0,15 m e una temperatura dell’acqua di 80 °C.