Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

Exberry_dicembre 2020_leaderboard

 

Nano- e microplastiche, un approccio olistico per valutarne il rischio

Fonte: IZSVe
Data: 27/09/2021


Un consorzio internazionale ha recentemente pubblicato sulla rivista scientifica "Nanoplastics and Microplastics" una sintesi dei possibili nuovi paradigmi di cui bisogna tener conto per valutare il rischio per la salute umana associato all'esposizione alle nano- e microplastiche attraverso alimenti e aria. L'approccio proposto prevede l'acquisizione di nuovi dati mediante l'impiego di nuove tecnologie, strumenti modellistici innovativi e il coinvolgimento partecipato di cittadini, esperti scientifici e portatori di interesse.
Il consorzio, guidato dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) e denominato PLASTIRISK, ha riunito importanti e riconosciuti esperti europei in una proposta scientifica che affronta il tema del rischio per la salute umana associato all'ingestione e inalazione di nano- e microplastiche.

Verso una metodologia condivisa per valutare il rischio
La presenza di microplastiche (e nanoplastiche) negli alimenti e nell'acqua ha fatto scaturire preoccupazioni nella società, nella politica e nella comunità scientifica per i possibili effetti avversi sull'uomo. Un consorzio internazionale - guidato dall'IZSVe - ha recentemente pubblicato una sintesi dei possibili nuovi paradigmi di cui bisogna tener conto per valutare il rischio per la salute umana associato all'esposizione alle nano- e microplastiche attraverso cibo e aria.
L'esposizione umana a nano- e microplastiche ha sollevato molta preoccupazione nella società, ma attualmente non esiste una metodologia condivisa e armonizzata per valutare il rischio per la salute umana ad essa associata. Una parte considerevole delle plastiche prodotte a livello mondiale non viene smaltita in maniera adeguata e dunque persiste per decenni nell'ambiente prima di degradarsi. La degradazione della plastica nell'ambiente genera frammenti di qualsiasi dimensione, inclusi nano- e microplastiche (NMPs). Le NMPs in ambiente entrano in contatto e interagiscono con inquinanti ambientali e additivi e diventano supporto per la colonizzazione da parte di comunità microbiche nuove.
La presenza di microplastiche (e nanoplastiche) negli alimenti e nell'acqua ha fatto scaturire preoccupazioni nella società, nella politica e nella comunità scientifica per i possibili effetti avversi sull'uomo.

Conoscenze e strumenti per gestire il rischio
La presenza ubiquitaria di NMPs, la loro possibilità di essere assorbite dagli organismi e di agire come vettori per sostanze tossiche e patogeni rendono la valutazione del rischio una priorità nell'agenda politica a livello globale. Tuttavia, due condizioni sono necessarie per il successo di qualsiasi azione di gestione, mitigazione e comunicazione del rischio.
In primo luogo, è necessaria una profonda comprensione dei meccanismi che guidano l'esposizione e il rischio. È fondamentale che il rischio sia quantificato, con la sua associata incertezza, in relazione agli scenari di esposizione presenti e futuri. Questo non è attualmente possibile a causa della scarsità di dati relativi all'esposizione e ai limiti delle attuali tecniche analitiche. In secondo luogo, c'è una mancanza di strumenti concettuali capaci di affrontare in maniera adeguata la complessità e la diversità intrinseca delle microplastiche presenti in ambienti naturali e in quelli domestici.

Nuovo approccio integrato
Partendo da queste considerazioni, è stato proposto un nuovo approccio integrato che prende in considerazione le specificità chimico-fisiche delle nano- e microplastiche e che consente una valutazione dei rischi presenti e futuri per la salute umana associato alla loro esposizione.
L'approccio integra quattro nuovi paradigmi nella metodologia tradizionale dell'analisi del rischio. Questi paradigmi tengono conto delle tecnologie per l'analisi delle NMPs, della mancanza di specifici dati empirici, approcci teorici e di modellizzazione, e il coinvolgimento dei portatori di interesse. All'interno dell'approccio proposto, il consorzio suggerisce in che modo utilizzare l'esperienza e i risultati di ricerca ottenuti ad oggi per svolgere le differenti fasi del processo di valutazione del rischio, e identifica le priorità di ricerca necessarie per le sfide future in questo settore.