Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Prodotto
Cerca per Azienda

Exberry_dicembre 2020_leaderboard

 

ProVision: la soluzione software per ottimizzare il controllo del peso dei prodotti in tempo reale

Intervista a Stefano Villa, sales manager di A.T.B. srl, l'azienda produttrice.

Azienda: A.T.B.
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 9/2006
Data: 02/12/2016


I sistemi di controllo del peso in linea mirano a garantire la conformità del peso stesso a quanto dichiarato dall'azienda in etichetta.
ProVision è un software modulare che permette di raccogliere dati in modo automatico da selezionatrici ponderali e metal detector di diversi produttori.
Per conoscerne le caratteristiche, abbiamo rivolto alcune domande a Stefano Villa, sales manager di A.T.B. srl, l'azienda produttrice.

· Dott. Villa, quali sono le funzionalità di ProVision?

ProVision fornisce, a responsabili Controllo Qualità e a responsabili Produzione, dati importanti sul peso dei prodotti in linea, permettendo loro di ottimizzare la regolazione delle selezionatrici ponderali, riducendo così il numero di prodotti non conformi da scartare e, quindi, i costi.
I dati rilevati, inoltre, vengono memorizzati in un database, eliminando tutto il materiale cartaceo.
Permette, infine, di collegare fino a 25 modelli diversi di selezionatrici ponderali e metal detector di differenti produttori, senza un limite di macchine collegabili e con la possibilità di integrarsi con altri software presenti in azienda.

· Funzionalità che si traducono anche in un risparmio di tempo per l'operatore che deve monitorare l'andamento della linea di produzione?

Decisamente: senza l'utilizzo di un software l'operatore dovrebbe esaminare, a intervalli regolari o a fine lotto, i report delle selezionatrici ponderali o dei metal detector, non avendo inoltre la visione in tempo reale dell'andamento della produzione.

· A quali settori del comparto alimentare si adatta meglio ProVision?

ProVision nasce per soddisfare le esigenze delle aziende produttrici di prodotti da confezionare e dal costo elevato: ad esempio, caffè, biscotti, cioccolato, fette biscottate, brioches e formaggio grattugiato. L'alto valore di questi prodotti, infatti, richiedere un'assoluta precisione nel controllo del peso e il feedback accurato trasmesso da ProVision alle macchine riempitrici consente di minimizzare i casi di riempimento eccessivo o insufficiente.
Nulla toglie, però, che possa essere di interesse anche per quelle aziende produttrici di alimenti meno costosi, ma che lavorano su "grandi numeri": la notevole riduzione degli scarti si tradurrebbe comunque in un tangibile ritorno economico.

· Quest'anno A.T.B. ha deciso di partecipare a Cibus Tec, il salone delle tecnologie alimentali che si è svolto a Parma a fine ottobre. Che riscontri avete avuto dalla manifestazione?

I contatti presi in fiera sono stati molti: circa 50. È ancora presto, però, per fare un bilancio. Certo è che l'interesse per ProVision c'è ed al Cibus Tec è stato considerevole anche da parte delle aziende estere.

 



Richiedi maggiori informazioni