Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Prodotto
Cerca per Azienda

 

I prodotti idonei all’alimentazione dei celiaci

L’Associazione Italiana Celiachia ha messo in opera, da molti anni, dei progetti di controllo degli alimenti: il Marchio Spiga Barrata, il Prontuario AIC degli Alimenti ed un progetto legato alla ristorazione: il progetto Alimentazione Fuori Casa.

Azienda: ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 1-2/2009
Data: 01/01/2009


La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in frumento, orzo, segale e alcuni cereali minori, come l’avena, il farro, il kamut, la spelta e il triticale.

L’incidenza di questa intolleranza è stimata in un soggetto ogni 100/150 persone. I celiaci in Italia potenzialmente sarebbero quindi 500 mila circa, ma, sino ad oggi, ne sono stati diagnosticati circa 75 mila, con un incremento annuo nel numero di diagnosi del 10% circa.

L’intolleranza al glutine genera gravi danni alla mucosa intestinale del celiaco, quali l’atrofia dei villi intestinali, con un conseguente inefficace assorbimento dei nutrienti. Il malassorbimento espone il celiaco a sintomi che inficiano pesantemente la qualità della vita e può arrivare a determinare alcune patologie, tra le quali le più temibili sono quelle neoplastiche.

La dieta senza glutine, intesa come l’eliminazione del glutine anche in dosi minime dall’alimentazione del celiaco, va condotta con rigore ed è, ad oggi, l’unica terapia che garantisce al celiaco un perfetto stato di salute.

La completa esclusione del glutine dalla dieta, però, non è facile da realizzare, in quanto i cereali non permessi ai celiaci si ritrovano in moltissimi prodotti alimentari ed il rischio di contaminazione accidentale da glutine è spesso presente nei processi di lavorazione dell’industria alimentare, pur non essendo disciplinato dalla norma in materia di etichettatura. Per questo motivo, l’Associazione Italiana Celiachia ha messo in opera, da molti anni, dei progetti di controllo degli alimenti: il Marchio Spiga Barrata, il Prontuario AIC degli Alimenti ed un progetto legato alla ristorazione: il progetto Alimentazione Fuori Casa.

Da questo e nei numeri a seguire di Alimenti&Bevande, verranno presentati brevemente i progetti AIC di interesse delle aziende del settore alimentare.


Il Prontuario

È una pubblicazione edita con frequenza annuale che raccoglie, a seguito di valutazione, anche quei prodotti che, seppur non pensati specificamente per una dieta particolare, risultano comunque idonei al consumo da parte del soggetto celiaco. A tal fine, viene distribuita a tutti gli associati (circa 55.000), che lo utilizzano quotidianamente per i propri acquisti, ai servizi di ristorazione e a tutti coloro che ne facciano richiesta, con una tiratura di circa 90.000 copie.

L'edizione corrente (2009) vanta 400 aziende operanti in tutte le aree del mercato alimentare, presenti con più di 10.000 prodotti reperibili sul mercato.

Le aziende produttrici che aderiscono e concorrono con le loro risposte alla stesura dell'elenco, dichiarano l’idoneità dei loro prodotti ad essere consumati anche dai celiaci (in quanto il glutine eventualmente presente è sempre inferiore a 20 ppm) e ciò tenendo conto non solo degli ingredienti, ma anche delle possibili contaminazioni durante tutte le fasi di produzione (stoccaggio, lavorazione, confezionamento ecc.).


Come si può aderire?

Le aziende, cui vengono fornite delle linee guida per la gestione del rischio “glutine” e una consulenza costante da parte del personale AIC, devono compilare e sottoscrivere per ogni singolo prodotto schede, appositamente predisposte, nelle quali forniscono informazioni su tutti gli ingredienti, anche su quelli eventualmente non dichiarati in etichetta, oltre ad indicare precise valutazioni di rischio su eventuali contaminazioni crociate durante le fasi di produzione e di confezionamento.

Le schede sono poi controllate e valutate dal Team AIC Prontuario, che inserisce nell'elenco solo i prodotti le cui aziende produttrici hanno fornito esaurienti informazioni tali da poterli definir e a “minor rischio” .

È prevista la possibilità, qualora lo si ritenga necessario, di effettuare analisi di laboratorio dei prodotti prelevati dai punti vendita.


Il sistema di "allerta" connesso al Prontuario

Al pari della verifica di idoneità effettuata dal personale AIC, vero "valore aggiunto" del Prontuario, è la gestione rigorosa dei prodotti per tutta la durata dell'edizione in vigore.
L'inserimento in Prontuario garantisce, infatti, controllo costante, grazie alla stretta collaborazione con le aziende produttrici, del permanere di tale idoneità e la comunicazione immediata dell'eventuale sospensione, corredata di informazioni relative ai lotti non conformi ed alle cause della non idoneità.

Le aziende, infatti, possono modificare nel tempo la composizione o la lavorazione dei loro prodotti in senso negativo per i celiaci, oppure possono verificarsi contaminazioni accidentali di lotti già immessi sul mercato: in ogni caso hanno l’obbligo di informare immediatamente AIC, che pubblica la segnalazione sul sito www.celiachia.it, sulla pagina 449 di Televideo Rai 1 e Rai 2, su Celiachia Notizie, house organ quadrimestrale di AIC, oltre che diramare la segnalazione in tempo reale a tutte le sedi regionali.

L'AIC è nata nel 1979 con la finalità offrire servizi di supporto e sostegno ai celiaci e alle loro famiglie, promuoverne l’assistenza (uno dei più importanti obiettivi raggiunti è quello della distribuzione gratuita dei prodotti dietetici senza glutine per tutti i celiaci diagnosticati da parte del Servizio Sanitario Nazionale), sensibilizzare le strutture politiche, amministrative e sanitarie sulle problematiche connesse alla celiachia, informare la classe medica sulle possibilità diagnostiche e terapeutiche, promuovere la ricerca in campo medico (è stata recentemente costituita dall’AIC, proprio a questo scopo, la Fondazione Celiachia).



Richiedi maggiori informazioni



Altri prodotti della stessa azienda:

Marchio Spiga Barrata: aggiungi valore ai prodotti alimentari gluten free
Intolleranze, un marchio per identificare i prodotti privi di glutine