Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

Exberry_dicembre 2020_leaderboard

 

AMR, valutato il ruolo degli ambienti di produzione

Fonte: EFSA
Data: 21/06/2021


La resistenza agli antimicrobici (AMR) negli alimenti di origine vegetale e/o nell'acquacoltura ha origine per lo più da fertilizzanti di origine fecale e acque (compresa quella usata per irrigare). Secondo l'EFSA, in zootecnia le fonti potenziali di resistenza sono riconducibili a mangimi, esseri umani, acqua, aria o polvere, suolo, fauna selvatica, roditori, artropodi e attrezzature.
Per la prima volta, gli esperti dell'Autorità europea hanno valutato il ruolo svolto dagli ambienti destinati alla produzione alimentare nell'insorgenza e diffusione dell'AMR, mappando le principali fonti dei relativi batteri e geni, anche se i dati attuali non consentono di quantificare il contributo specifico di ciascuna di esse a questo problema di portata mondiale.
L'EFSA ha individuato i batteri e i geni resistenti di massima priorità per la salute pubblica che possono essere trasmessi tramite la catena alimentare, vagliando la letteratura scientifica per documentarne la presenza nelle suddette fonti ambientali.
Tra le misure volte a limitare la comparsa e la diffusione di resistenza negli ambienti per la produzione alimentare vi sono la riduzione della contaminazione microbica di origine fecale nei fertilizzanti, nell'acqua e nei mangimi nonché l'adozione di buone pratiche igieniche. Gli esperti hanno inoltre formulato raccomandazioni per proseguire la ricerca nei settori ritenuti prioritari onde contribuire a colmare le lacune nei dati, affiancando così i responsabili dell'UE in materia di gestione del rischio nell'attuare il piano d'azione europeo "One Health" contro la resistenza agli antimicrobici.
Per elaborare il parere, gli esperti hanno lavorato a stretto contatto con il Centro europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC), l'Agenzia europea dei Medicinali (EMA) e l'Agenzia europea dell'Ambiente (EEA).