Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo


 

Innova Food Tech day 27 novembre 2020 convegno online

 

Perclorato in frutta e verdure: ripubblicazione del relativo parere scientifico

Fonte: EFSA
Data: 03/06/2015


L’EFSA ha ripubblicato il proprio parere scientifico sui rischi per la salute pubblica derivanti dal perclorato negli alimenti, in particolare in frutta e verdura. Già adottato a settembre del 2014, il parere è stato rivisto in ragione di un intercorso errore tecnico. Gli esperti dell’EFSA hanno eseguito una nuova stima dell’esposizione alimentare dei consumatori al perclorato utilizzando dati rettificati sui livelli di perclorato negli alimenti e tenendo conto di dati di rilevamento più aggiornati, resisi nel frattempo disponibili.
Il perclorato è un contaminante chimico rilasciato nell’ambiente sia da fonti naturali che antropiche. L’uso di fertilizzanti naturali e acque irrigue contaminate da perclorato può portare a un notevole accumulo della sostanza nei vegetali a foglia.
Sulla base dell’inibizione della captazione tiroidea di iodio in adulti sani, gli esperti dell’EFSA hanno stabilito che la dose giornaliera tollerabile (DGT) di perclorato è di 0,3 microgrammi per kg di peso corporeo. La DGT è la stima della quantità di una sostanza che gli esseri umani possono consumare quotidianamente nel corso della loro intera esistenza senza incorrere in rischi rilevanti per la salute.
L’EFSA ha stimato l’esposizione cronica e “a breve termine” al perclorato. È improbabile che una singola esposizione al perclorato ai livelli riscontrati nel cibo e nell’acqua possa causare effetti nocivi sulla salute umana, anche nei gruppi più vulnerabili della popolazione. In generale l’esposizione alimentare cronica al perclorato è potenziale fonte di preoccupazione, in particolare per i gruppi più giovani della popolazione che ne facciano un consumo elevato e presentino una carenza di iodio da lieve a moderata. Inoltre l’esposizione al perclorato può essere preoccupante per i neonati allattati al seno da madri che presentino una carenza di iodio. La nuova valutazione dell’esposizione tramite la dieta non influisce su tali conclusioni complessive.