Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie, Antonia Ricci è il nuovo direttore generale

Fonte: IzsVe
Data: 04/10/2020


Antonia Ricci è il nuovo direttore generale dell'Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie (IzsVe). Nominata al vertice dell'Istituto dal presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, in accordo con i presidenti di Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trento e Provincia di Bolzano, e con il parere favorevole del Ministro della Salute, Roberto Speranza, Ricci ha ricoperto l'incarico di direttore generale facente funzione dall'aprile 2019 e di direttore sanitario dal marzo 2018.

Laureata in Medicina Veterinaria, si è poi specializzata in Ispezione degli Alimenti di Origine animale. 53 anni, due figli, Ricci è entrata in IzsVe nel 1995 e si è occupata prevalentemente di sicurezza alimentare e di zoonosi.

Fra i numerosi incarichi dirigenziali ricoperti, è stata direttore del Dipartimento per la Sicurezza alimentare (2011-2018) e direttore della Struttura complessa "Analisi del rischio e sorveglianza in sanità pubblica" (2006-2018). È stata inoltre direttore del Centro di referenza nazionale per le Salmonellosi (dal 2001) e del Laboratorio di riferimento Oie per le Salmonellosi (dal 2007).

Nel corso della sua carriera scientifica è stata membro di vari comitati scientifici internazionali e ha ricoperto numerosi incarichi in qualità di esperto per la Commissione europea, l'Organizzazione mondiale per la Sanità animale (Oie) e l'Autorità europea per la Sicurezza alimentare (Efsa). Ha, inoltre, coordinato numerosi progetti nazionali, finanziati dal Ministero della Salute, e internazionali ed è autrice di più di 300 pubblicazioni scientifiche.

"Nei prossimi anni - ha affermato - lavorerò per la crescita dell'Istituto, sviluppando in modo armonico le sue diverse e fondamentali componenti: la presenza sul territorio, il supporto agli enti regionali e provinciali del Triveneto, la collaborazione con la rete nazionale degli Istituti zooprofilattici sperimentali con il coordinamento del Ministero della Salute, l'attività di ricerca a livello nazionale ed internazionale. Mi impegnerò affinché sia rafforzato il ruolo dell'IzsVe come presidio di sanità pubblica, nella consapevolezza della grande responsabilità che le sfide che abbiamo di fronte comportano: quanto la salute e il benessere animale e la sicurezza degli alimenti facciano parte di un unico ecosistema da cui dipende la salute dell'uomo, è ormai evidente a tutti, e fa parte intrinsecamente della mission dell'IzsVe".