Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Carni suine trasformate, pubblicato il decreto sul luogo di provenienza in etichetta

Fonte: redazione "Alimenti&Bevande"
Data: 18/09/2020


È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 230 del 16 settembre il decreto 6 agosto 2020 del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Ministero dello Sviluppo economico e Ministero della Salute, che stabilisce le disposizioni per l'indicazione obbligatoria del luogo di provenienza nell'etichetta delle carni suine trasformate. 

Il decreto, che si applica fino al 31 dicembre 2021, in fase sperimentale, riguarda le carni di ungulati domestici della specie suina macinate, separate meccanicamente, preparazioni di carni suine e prodotti a base di carne suina.

Sono esclusi i prodotti Dop, Igp, Stg e quelli protetti in virtù di accordi internazionali.

L'indicazione del luogo di provenienza include le seguenti informazioni:

· Paese di nascita: (nome del Paese di nascita degli animali);
· Paese di allevamento: (nome del Paese di allevamento degli animali);
· Paese di macellazione: (nome del Paese in cui sono stati macellati gli animali).

Quando la carne proviene da suini nati, allevati e macellati:

· nello stesso Paese, l'indicazione dell'origine può apparire nella forma: "Origine: (nome del Paese)". La dicitura "100% italiano" è utilizzabile solo quando la carne proviene da suini nati, allevati, macellati e trasformati in Italia;
· in uno o più Stati membri dell'Unione europea, l'indicazione dell'origine può apparire nella forma: "Origine: UE".
· in uno o più Stati non membri dell'Unione europea, l'indicazione dell'origine può apparire nella forma: "Origine: extra UE";

Qualora l'indicazione dell'origine si riferisca a più di uno Stato, il riferimento al nome del Paese può essere sostituito dai termini "UE", "extra UE" o "UE o extra UE", a seconda dei casi.

L'indicazione del luogo di provenienza è apposta in etichetta nel campo visivo principale ed è stampata in modo da risultare facilmente visibile e chiaramente leggibile. Essa non deve essere in nessun modo nascosta, oscurata, limitata o separata da altre indicazioni scritte o grafiche o da altri elementi suscettibili di interferire.

Salvo che il fatto costituisca reato, per le violazioni delle disposizioni relative all'indicazione obbligatoria della provenienza previste dal decreto si applicano le sanzioni stabilite dal decreto legislativo 15 dicembre 2017, n. 231.

Le disposizioni del presente decreto non si applicano ai prodotti legalmente fabbricati o commercializzati in un altro Stato membro dell'Unione europea o in Turchia o in uno Stato parte contraente dell'accordo sullo Spazio economico europeo.

I prodotti che non soddisfano i requisiti del presente decreto, immessi sul mercato o etichettati prima dell'entrata in vigore dello stesso (il 15 novembre), possono essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte o, comunque, entro il termine di conservazione previsto in etichetta.