Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Illeciti agroalimentari, il Consiglio dei Ministri approva il disegno di legge

Fonte: Consiglio dei Ministri e Mipaaf
Data: 26/02/2020


Nella serata di ieri, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e del Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Teresa Bellanova, ha approvato il disegno di legge sulle "nuove norme in materia di illeciti agroalimentari".

Il testo interviene sul codice penale e sulla legislazione speciale del settore agroalimentare, con riguardo alla tutela penale della salute pubblica e della sicurezza degli alimenti, nonché in materia di frode nel commercio di prodotti alimentari.

Tra gli obiettivi principali:

· la riorganizzazione sistematica della categoria dei reati in materia alimentare, per garantire l'effettiva tutela dei beni giuridici di riferimento, che richiedono spesso anche l'anticipazione delle incriminazioni già alla soglia del rischio, nonché l'elaborazione di un sistema di intervento a tutele crescenti;
· la rielaborazione del sistema sanzionatorio contro le frodi alimentari, con la finalità di offrire risposte concrete e differenziate in ragione dell'effettivo grado di offensività delle condotte;
· la sistemazione organica per l'intero settore dei reati in materia alimentare della responsabilità delle persone giuridiche.

Il provvedimento detta una disciplina più compiuta in relazione alla produzione e alla commercializzazione di alimenti che non costituiscono un pericolo immediato ed imminente, ma tendono a manifestare la propria pericolosità nel medio e lungo periodo e rielabora l'ambito di tutela penale contro le frodi alimentari, con particolare riferimento all'emergente realtà di organizzazioni complesse ed alla responsabilità delle persone giuridiche che sono divenute ormai, nella dimensione allargata degli scambi commerciali, il principale referente criminologico, così da aprire la strada a nuove fattispecie incriminatrici, differenziate sia a livello normativo-precettivo che a livello sanzionatorio, in ragione dell'effettivo grado di offensività.

"Con questo testo che prende le mosse da una proposta della Commissione Caselli - afferma la ministra Bellanova - si garantisce l'effettiva tutela dei prodotti alimentari, si rielabora il sistema delle sanzioni, si amplia la sfera delle tutele. Non a caso, fin dal mio insediamento al Ministero ho sostenuto la necessità di rafforzare ulteriormente il sistema di controlli, che già oggi ci pone fra i migliori al mondo per poter tutelare di più e meglio le nostre indicazioni geografiche e i nostri marchi e sconfiggere la concorrenza sleale che avvelena le filiere e produce distorsioni inaccettabili di mercato. Per questo un grazie a Giancarlo Caselli e a tutti i componenti dell'Osservatorio Agromafie, che con il loro lavoro hanno contribuito in modo determinante alla definizione delle nuove norme".