Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Gestire e controllare la sicurezza alimentare. Il Sistema europeo (I parte)

Gli Osa si devono adeguare a quanto stabilito.

Autori: Antonio Menditto, Anna Giovanna Fermani, Gualtiero Fazio, Fabrizio Anniballi, Bruna Auricchio, Concetta Scalfaro, Elisabetta Delibato, Dario De Medici, Raffaella Gargiulo, Paolo Stacchini
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 5/2019
Data: 15/06/2019


Il 30 luglio 2016 è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea la comunicazione 2016/C 278/01 della Commissione europea relativa «all'attuazione dei Sistemi di Gestione per la Sicurezza alimentare riguardanti i programmi di prerequisiti (Prp) e le procedure basate sui principi del Sistema Haccp, compresa l'agevolazione/flessibilità in materia di attuazione in determinate imprese alimentari"1 (di seguito "Comunicazione").

In accordo alla Comunicazione, gli operatori del settore alimentare (Osa) sono tenuti a conformarsi al "Sistema europeo di Gestione per la Sicurezza alimentare" (European Food Safety Management System (Fsms), in lingua inglese).

La Comunicazione si articola in sette capitoli, tre allegati e sei appendici.

In questo articolo sono oggetto di trattazione:

· la natura giuridica delle Comunicazioni emanate dalla Commissione europea;
· lo scopo e i destinatari della Comunicazione, tema del capitolo 2 "Scopo"
· la base giuridica del Efsms/Efscs, cui gli Osa sono tenuti a conformarsi, tema del capitolo 1 "Introduzione";
· la struttura del Efsms/Efscs e il legame tra le varie componenti del Efsms/Efscs, tema del capitolo 3 "Legami tra Fsms, Prp, Ghp, Gmp e Sistema Haccp" della Comunicazione;
· la relazione del Efsms/Efscs con le norme internazionali, tema del capitolo 6 "Relazione con le norme internazionali" della Comunicazione.



Scarica l'approfondimento