Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Vite e Vino. Le novita' del Testo Unico

Un utile vademecum per i produttori.

Autori: Erik Stefano Carlo Bodda e Roberta Abate
Fonte: rivista "Alimenti&Bevande" n. 1/2017
Data: 24/02/2017


Pochi mesi fa, presso il nostro Parlamento è approdata la proposta sulla “Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e del commercio del vino”, meglio conosciuta come “Testo Unico della Vite e del Vino”, avanzata dai maggiori rappresentanti delle organizzazioni italiane del settore vinicolo, tra cui Agrinsieme, Unione italiana vini, Federvini, Assoenologi, Federdoc ed altri. Gli esiti delle consultazioni sono stati positivi in entrambe le sedi parlamentari: la Camera dei Deputati ha accolto tale proposta, la quale ha riscosso poi un grande successo anche al Senato, poco tempo dopo.
L’intento dei promotori della normativa, esperti vignaioli italiani, muove dalla consapevolezza che la produzione di piccola e media quantità non possa prescindere dall’eccellenza qualitativa a livello mondiale, di cui il nostro Paese è scenario indiscusso.
Per creare un cosiddetto fil rouge tra regolamentazione e produzione vinicola, essi hanno elaborato tre linee di proposta “per restituire competitività al settore, riducendo l’impatto della burocrazia […] ed eliminando gli elementi normativi o le prassi amministrative che sul campo non hanno dimostrato la propria utilità. Fermi restando gli obbiettivi condivisi della tutela del consumatore e della salute, appare possibile eliminare molti aspetti percepiti come vessatori dell’attuale rapporto tra istituzioni e vignaioli, senza pregiudicare il raggiungimento degli scopi legittimi di entrambi”.
Così, alla fine del mese di novembre, è stato approvato un testo di 90 articoli (poi pubblicato in Gazzetta, il 28 dicembre 2016, come legge 238/2016, entrata in vigore il 12 gennaio scorso), che ristabilisce ordine e chiarezza all’interno della materia, riassumendo tutta la normativa precedente (la legge 82/2006, il decreto legislativo 61/2010 e il decreto legislativo 260/2000) ed introducendo importanti novità da diversi punti di vista.



Scarica l'approfondimento