Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Informazione ai consumatori. A quando le sanzioni?

Il 13 dicembre 2014 segna la data di applicazione del reg. UE 1169/11

Autori: Carlo e Corinna Correra
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 4/2014
Data: 22/05/2014


Il 13 dicembre di qualsiasi anno evoca nella coscienza popolare italica - e del mondo cattolico in generale - la festa di Santa Lucia, la Santa "protettrice" della vista.
E così certamente continuerà ad essere per gli anni a venire, anche se per quelli di noi coinvolti nelle quotidiane vicissitudini degli "etichettatori di alimenti e bevande" è fin troppo facile prevedere che quella data, a partire da quest'anno 2014, un po' più prosaicamente accompagnerà il ricordo della Santa di Siracusa con quello della prima applicazione del reg. UE 1169/2011, nuova disciplina dell'etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari ai fini della corretta informazione del consumatore.
Le disposizioni di questa normativa - sia da questi autori che da altri studiosi della materia - sono state già più volte esaminate in approfonditi articoli su "Alimenti & Bevande", articoli cui doverosamente qui facciamo rinvio volendo invece dedicare questo spazio ad un tema più specifico e sicuramente per tutti significativo: quello delle sanzioni per i trasgressori delle norme del suindicato regolamento UE.
Quest'ultimo naturalmente non le prevede dal momento che - come è noto - la potestà sanzionatoria è sinora rimasta esclusa dai meccanismi di "limitazione di sovranità" cui si sono sottoposti i Paesi aderenti all'UE, i quali, a tutt'oggi, si riservano di scegliere autonomamente il tipo e l'entità della sanzione da irrogare ai trasgressori di regole che però sono identiche per tutti i cittadini comunitari, indipendentemente dallo Stato di appartenenza.
Insomma, una "unificazione... a metà" e, quindi, a dir poco discutibile e comunque foriera di non poche e gravi conseguenze: basti solo riflettere che, così facendo, si consente ai "malintenzionati" del settore alimentare di scegliersi come territorio per le loro infrazioni il Paese UE con il sistema sanzionatorio più "morbido" o più inefficiente per apparato giudiziario.
E meglio ancora - per loro "malintenzionati" - un Paese... con tutti e due i difetti!



Scarica l'approfondimento