Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Equidi al macello. Modalità operative per identificarli

Obblighi e responsabilità di Osa e veterinario ufficiale.

Autori: Gianluigi Valsecchi
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 4/2013
Data: 27/04/2013


Uno degli aspetti più critici nella filiera della carne equina riguarda la corretta identificazione degli equidi al macello:

• equidi Dpa (equidi destinati alla produzione di alimenti per l’uomo);
• equidi non-Dpa (equidi non destinati alla produzione di alimenti per l’uomo).

In questi ultimi mesi, molti sono stati gli episodi, relativi al ritrovamento di carne equina in prodotti a base di carne confezionati, senza che la stessa fosse indicata in etichetta.
Tali episodi, che hanno visto coinvolte grandi industrie alimentari e della grande distribuzione, hanno ribadito che la corretta identificazione degli equidi destinati alla macellazione, associata ad un piano mirato di controlli ufficiali sia sui prodotti alimentari commercializzati e/o etichettati come contenenti carni bovine sia sulle carni equine per rilevare la presenza di residui di farmaci non consentiti, può fornire le necessarie garanzie sia nei confronti della tutela dei consumatori che nel controllo delle malattie infettive e diffusive della specie equina.
Appare quindi utile capire e distinguere le responsabilità che ricadono nell’ambito della filiera della carne equina tramite uno schematico riepilogo dell’attuale normativa in vigore inerente alla corretta identificazione degli equidi Dpa nonché degli ultimi provvedimenti legislativi adottati per tenere sotto controllo la problematica emersa.



Scarica l'approfondimento