Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

  • Mettler Toledo


 

 

Il consulente tecnico dell'azienda alimentare: una figura centrale

Una figura sempre più presente quella del consulente tecnico, meglio, quella di più profili professionali di consulente tecnico che accompagnano la vita di un’azienda alimentare.

Autori: Carlo e Corinna Correra
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 7-8/2012
Data: 20/06/2012


La complessa problematica, tecnica e legale, che le aziende alimentari devono quotidianamente affrontare per essere validamente presenti sul mercato ovvero per fabbricare e/o immettere al consumo prodotti alimentari igienicamente sicuri e di elevata qualità merceologica è ormai pervenuta a un punto tale da rendere praticamente indispensabile, per molte di loro se non per tutte, l’assistenza di un professionista esterno con compiti di consulenza tecnica nei più svariati campi: dal profilo igienico a quello tecnologico, con puntate anche in quello legale da parte di avvocati e (purtroppo) non. Anzi, è ormai evidente che le esigenze peculiari imposte dalla normativa in materia rendono quanto mai opportuna tale attività di consulenza esterna già nella fase di costruzione dei locali aziendali e delle relative attrezzature. La stessa formazione professionale dei dipendenti aziendali, inoltre, è opportuno che sia affidata a figure professionali specialistiche: dal veterinario al biologo, dal tecnologo alimentare al chimico e così via, fino al consulente legale. Tutte figure, queste, che del resto verranno coinvolte, ancora più direttamente ed incisivamente, nella vita aziendale in occasione di quei momenti critici che, prima o poi, finiscono per investire ogni azienda alimentare in conseguenza degli esiti dei controlli ufficiali.
Capiterà così che una o più di quelle figure professionali sia chiamata dall’azienda alimentare come consulente tecnico non solo nella (più impegnativa) sede giudiziaria, ma anche e prima ancora già in occasione, ad esempio, di un controllo analitico in un laboratorio ufficiale.
Senza contare che in taluni casi, anzi, si è dimostrata opportuna la presenza del consulente tecnico persino nella fase di campionamento di sostanze alimentari presenti nei locali dell’azienda o da essa prodotte e già immesse in commercio. Per non parlare poi delle consulenze che si dispiegano in fase di progettazione di nuovi prodotti alimentari o nuove soluzioni tecnologiche.
Una figura, dunque, sempre più presente quella del consulente tecnico, meglio, quella di più profili professionali di consulente tecnico che accompagnano la vita di un’azienda alimentare.



Scarica l'approfondimento