Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Tipologia
Cerca per Azienda

 

 

Strumenti per valutazioni accelerate di fotostabilità e shelf life

La radiazione solare deteriora i materiali e ne condiziona il ciclo di vita.

Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 3/2018
Data: 16/04/2018

Azienda: URAI

La radiazione solare deteriora i materiali e ne condiziona il ciclo di vita. Chiunque abbia prodotti o materiali esposti alla luce solare diretta, indiretta o artificiale deve considerare questo fenomeno e porsi al riparo dalle eventuali complicanze.
URAI, dal 1950, promuove, vende e assiste le attrezzature e i servizi di ATLAS Material Testing Solution, azienda che da oltre 100 anni offre soluzioni a queste problematiche.
In laboratorio potrete replicare ciò che avviene nella vita reale e svolgere questi test di simulazione in tempi accelerati anche di 50 volte.
Pochi minuti potrebbero essere sufficienti per confrontare viraggi di colore, modifiche strutturali e/o organolettiche, come pure disporre di campioni per valutare interazioni contenuto/contenitore ed escludere ogni potenziale ricaduta tossicologica.
L'affidabilità e la riferibilità di questi strumenti li ha resi metodo ufficiale per prove di shelf life ICH. Consentono infatti in poco meno di 8 ore di completare i protocolli di Confirmatory Studies sulle API (Q1B) così come i Forced Degradation Studies.
In ambito cosmetico, sono approvati da Colipa e regolamentati SO per le prove in vitro del Solar Protection Factor.
La speciale sorgente allo Xenon che equipaggia gli strumenti della serie SUNTESTTM e Xenotest® è il cuore di queste attrezzature che, non solo irradiano, ma permettono di controllare anche la temperatura e, se necessario, l'umidità.
Le tre più rilevanti curve spettrali alle quali i prodotti sono soggetti durante la fase di preparazione, stoccaggio, trasporto e distribuzione, nonché somministrazione e consumazione, sono tutte perfettamente simulabili.
In questi strumenti, la luce allo Xenon viene intercettata da speciali filtri ottici, scelti in funzione di ciò che si vuole simulare. In questo modo, si possono produrre gli effetti della radiazione solare all'aperto, all'interno di edifici nonché la luce artificiale dei supermarket. In questo modo, gli ingredienti sensibili o che reagiscono nel range UV saranno indotti alla modificazione e non mancherà inoltre l'apporto della radiazione visibile necessaria sia per ottenere un comportamento realistico dei prodotti colorati sia per l'apporto del calore. La temperatura infatti è un importante fattore di stress e di accelerazione dei processi di degradazione che è necessario considerare, replicare e controllare.