Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Tipologia
Cerca per Azienda

 

 

Conoscere le basi ├Ę indispensabile per progettare il Food Safety Plan

ESI - Euro Servizi Impresa ├Ę attualmente l'unica societ├á di consulenza in Europa qualificata anche per la consulenza sugli Haccp Usa.

Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 5/2017
Data: 15/06/2017

Azienda: ESI - EURO SERVIZI IMPRESA

Dal 30 maggio scorso è in vigore anche il secondo dei "Seven Pillars" (sette pilastri), i regolamenti derivanti dalla nuova normativa quadro sulla sicurezza alimentare targata Usa, chiamata Food Safety Modernization Act (Fsma). Nello specifico, parliamo del Foreign Supplier Verification Program (Fsvp). Questo rule (regolamento), norma per la prima volta gli importatori, che saranno censiti ufficialmente dalla Food and Drug Administration (Fda) come "Importer Fsvp" e chiamati da questa a dare evidenza delle proprie capacità di verifica e controllo a carico dei Foreign Suppliers (fornitori esteri).
Nuovi obblighi - L'Importer Fsvp dovrà categorizzare in base al rischio ogni singola referenza importata, attuare azioni di verifica e richiedere il rispetto della normativa di settore a ciascun fornitore estero. Se si ha a che fare con i trasformatori bisognerà produrre il Food Safety Plan (sia per alimenti destinati all'uomo che per quelli destinati agli animali da reddito o da compagnia), se, invece, si ha a che fare con un produttore primario, ad esempio di ortofrutta, bisognerà produrre il Farm Food Safety Plan.
Il problema è che non basterà redigere i documenti richiesti dai Seven Pillars, ma bisognerà partire dalla normativa di base preesistente.
Esempi - Primo esempio: un produttore di succhi di frutta a base di arance (60% arance, 40% acqua, coloranti e conservanti) e di arance sciroppate in latta, per esportare in Usa, dovrà:

· fornire il Juice Haccp e il Food Safety Plan (Fsp);
· rispettare il Labeling con i valori nutrizionali, la normativa Falcpa sugli allergeni e il Food Drugs and Cosmetic Act (Fdca) per il packaging;
· formare uno o più lavoratori come Preventive Controls for Human Food (Pcqi) e un responsabile per i Canned Foods.

Secondo esempio: un produttore di pomodori freschi e passate in latta, per esportare in Usa, dovrà:

· rispettare il Produce Safety Rule, il Labeling con i valori nutrizionali ed il Fdca per il packaging;
· formare un Food Safety Expert;
· redigere un Farm Food Safety Plan.

È fondamentale ricordare, quindi, che alla base della nuova regolamentazione va considerata e rispettata la precedente normativa federale e la "Asap Regulations" (pronuncia americana di regolamenti Haccp, se presenti, specifici per ciascun settore).
A chi affidarsi - ESI - Euro Servizi Impresa S.r.l. è attualmente l'unica società di consulenza in Europa qualificata anche per la consulenza sugli Haccp Usa, che, in base ai settori, sono: Usda Haccp (per carne, pollo ed ovoprodotti), Seafood Haccp (prodotti della pesca), Juice Haccp (succhi di frutta), Bakery Haccp (dolciarie), Eggs Haccp (uova destinate al consumo umano), Flour Haccp (farine) e Milk Haccp (prodotti lattiero-caseari).

Scopri il calendario dei corsi organizzati da ESI, in materia di Labeling, Food Safety Plan e Haccp di settore, su www.euroservizimpresa.it.

 



Altri prodotti della stessa azienda:

Con ESI esportare in Usa ├Ę Easy!
Export Usa: come testare il proprio adeguamento al Fsma?
Summer Fancy Food Show 2017: novità dagli Usa
Esportare negli Stati Uniti nel rispetto delle norme vigenti: il supporto di ESI
Norme Usa, un partner competente per acquisire le dovute conoscenze
Definizione, ruolo e obblighi di chi importa: le nuove regole
Export Usa: non solo Pcqi, ma molto di pi├╣
Export: un 2017 ricco di novita'
Export Usa: scattate il 1┬░ ottobre le nuove sanzioni Fda
Export Usa: la ricetta per allinearsi al Fsma
Export Usa: allarme corsi per PCQI
Preventive Controls: allinearsi per esportare in Usa
Esportare prodotti in scatola in Usa? Vincere barriere e requisiti, con ESI, oggi e' possibile
Nuove regole per l' esportazione in Usa: pubblicate le 'Final Rules'