Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Donazioni alimentari, messo a punto un approccio semplificato per facilitarle

Fonte: Efsa
Data: 07/11/2018


L'Efsa ha sviluppato un nuovo approccio di gestione della sicurezza alimentare per facilitare le donazioni di alimenti e bevande da parte dei piccoli dettaglianti.

Si tratta di un sistema semplificato in base al quale i rivenditori non sono tenuti ad avere una conoscenza dettagliata dei pericoli specifici legati ai prodotti alimentari da donare, ma devono solo essere consapevoli della eventuale presenza di quelli fisici, chimici, biologici o di allergeni e che la mancata esecuzione di attività di controllo essenziali - come la separazione dei prodotti crudi da quelli cotti - potrebbe rappresentare un rischio per i consumatori.

Il sistema comprende inoltre misure per verificare che i prodotti alimentari donati siano sicuri, come ad esempio il controllo della durata di conservazione, il mantenimento della catena del freddo e la garanzia della comunicazione tra donatore e ricevente.

L'approccio è rivolto a centri di distribuzione alimentare, supermercati, bar, ristoranti e altri piccoli rivenditori.

"Questo sistema semplificato, che la Commissione europea ci ha chiesto di sviluppare - afferma il direttore scientifico Efsa, Marta Hugas - dovrebbe anche aiutare a ridurre lo spreco alimentare, una priorità per l'UE".

Il nuovo approccio utilizza diagrammi di flusso per riassumere le fasi di produzione e tabelle per accompagnare i rivenditori attraverso il processo di gestione della sicurezza alimentare dall'individuazione dei pericoli alle misure di controllo, in linea con le normative vigenti. I diagrammi e le tabelle sono generici e possono essere adattati dagli operatori del settore alimentare alle proprie attività commerciali.

In un precedente parere scientifico l'Efsa ha sviluppato un semplice sistema di gestione della sicurezza alimentare per altri cinque tipi di piccole imprese alimentari: macellerie, panetterie, pescherie, negozi di alimentari e gelaterie.