Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

 

Relazione Rasff 2016, maggior numero di segnalazioni per pesticidi in frutta e verdura

Fonte: @nmvi Oggi
Data: 27/11/2017


La Commissione europea ha pubblicato la relazione annuale sui lavori del Sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi (Rasff).
Il documento, riferito alle attività del 2016, contiene i grafici di Sankey (che rendono visivamente più immediato il flusso dei dati) e le schede di ciascun Paese (Country Fact Sheet).
L'attività registrata lo scorso anno segna un record storico: rispetto al 2015, il numero di segnalazioni è aumentato del 9% (salendo a 847 totali) e anche il follow-up di allerta (ossia gli aggiornamenti su un'allerta già notificata) è cresciuto del 16% (4.666 follow up totali). Intensificate anche le attività di interscambio attraverso il sistema Rasff, che nel 2016 ha superato i 10mila contatti totali.
Non tutte le notifiche al Sistema di allerta generano degli "alert", ma solo quelle che richiedono un'azione rapida da parte di un altro Paese membro, cioè quando riferiscono di situazioni che possono presentare seri rischi per la salute derivanti da alimenti, mangimi o materiali a contatto con gli alimenti circolati all'interno dell'Unione europea.
Nella top ten delle notifiche, al primo posto ci sono i residui di pesticidi in frutta e ortaggi, segnalati dalla Bulgaria (71 notifiche). Seguono le aflatossine in noci e semi dalla Germania e dai Paesi Bassi (rispettivamente 65 e 63 notifiche), mentre al terzo posto figurano le notifiche (59) dall'Italia riguardanti il mercurio nei pesci e prodotti ittici e al quarto posto nuovamente le aflatossine in noci e semi segnalate (52 notifiche) dall'Italia.

Vedi il Country Fact Sheet dell'Italia